Vietnam Asia

Le famiglie contadine povere delle minoranze etniche migliorano le loro condizioni di vita grazie a un migliore accesso all’acqua potabile e a un uso piu attento dell’acqua

Il programma della Caritas a Quan Ba ha ottenuto alcuni risultati dal 2003: circa mille famiglie hanno ora accesso all’acqua pulita, e il carico di lavoro delle donne/bambini per procurarsi l’acqua è diminuito significativamente. Un’esame e una valutazione partecipativa dei bisogni nei villaggi hanno mostrato che la fornitura di acqua potabile sicura è essenziale. In alcuni villaggi, ci sono ancora grandi lacune nel sistema di approvvigionamento. Il primo obiettivo del nuovo progetto è quello di assicurare la fornitura d’acqua per tutto l’anno a un maggior numero di famiglie e la loro manutenzione, costruendo sistemi comunitari di approvvigionamento idrico. Le famiglie saranno anche addestrate a usare l’acqua con più attenzione e a prestare più attenzione all’igiene.

Ingrandisci la mappa

Obiettivi e impatti del progetto

Il Vietnam ha sperimentato una notevole ripresa economica negli ultimi anni. Tuttavia, con l’attuale crisi economica globale, anche lo slancio economico del Vietnam si è arrestato. Non tutti i settori della popolazione hanno beneficiato allo stesso modo della ripresa. La situazione di vita è ancora particolarmente difficile per la remota popolazione di montagna nel nord del paese. L’85% della popolazione qui è costituita da famiglie contadine delle minoranze etniche, che si trovano spesso in condizioni più svantaggiate rispetto agli stessi vietnamiti. Caritas Svizzera ha quindi avviato già nel 2003 un vasto programma di sviluppo rurale in uno dei distretti più poveri del paese, Quan Ba, per rispondere ai numerosi bisogni sul terreno insieme alle autorità e alla popolazione. L’accesso all’acqua durante tutto l’anno è una grande difficoltà nell’ambiente montuoso e roccioso di Quan Ba. Nei mesi invernali secchi, la fornitura d’acqua è completamente inadeguata. Questo perché, anche se la regione montana ha alti tassi di precipitazioni da aprile a ottobre, le comunità montane soffrono di carenze idriche latenti durante la stagione secca (da novembre a febbraio). Questo è legato alla deforestazione, tra le altre cose, ma anche a un’infrastruttura di approvvigionamento idrico inadeguata. Ancora oggi, il sistema di approvvigionamento idrico o di stoccaggio dell’acqua consiste in parte in contenitori di plastica che devono essere riempiti in rivoli lontani dai villaggi e portati nelle case. Il programma della Caritas a Quan Ba ha già ottenuto alcuni risultati negli ultimi anni ha ottenuto alcuni risultati negli ultimi anni. I sistemi di approvvigionamento idrico previsti in 12 villaggi delle tre comunità sono stati tutti completati. Circa mille famiglie e quattro scuole hanno ora accesso all’acqua pulita, e il carico di lavoro per le donne e i bambini per andare a prendere l’acqua è diminuito significativamente. Ogni villaggio ha un comitato di gestione dell’acqua che è responsabile del funzionamento e della manutenzione del sistema e raccoglie denaro dalle famiglie per questo scopo. La Caritas è stata anche in grado di motivare la popolazione a piantare piantine di alberi dai vivai del progetto nei bacini idrici per proteggere le sorgenti. La valutazione della prima fase del programma e un’indagine partecipativa sui bisogni dei villaggi di Quan Ba hanno mostrato chiaramente che la fornitura di acqua potabile e di acqua domestica è essenziale per la popolazione. In alcuni villaggi e famiglie, ci sono ancora grandi lacune nel sistema di approvvigionamento. Pertanto, la Caritas metterà di nuovo grande enfasi sul progetto dell’acqua nella nuova fase. Inoltre, la Caritas rafforzerà la sostenibilità nella manutenzione dell’approvvigionamento idrico e la consapevolezza della popolazione per un uso attento dell’acqua potabile e dell’igiene.

Comuni solidali:

  • Adliswil/
  • Ascona/
  • Bern/
  • Disentis/
  • Samedan/
  • Sion/
  • Wettingen/
  • Zell/

Grazie a questo sostegno, siamo stati in grado di finanziare con successo questo progetto!

Dettagli del progetto


Numero di beneficiari Acqua potabile: 9580 Persone

Numero di beneficiari Servizi igienici: 3190 Persone

Durata del progetto: 12.2010 – 12.2014


Organizzazione: Caritas Svizzera

Altro/i partner del progetto: PANNATURE


Fondi richiesti tramite SES: 230’000 CHF

Contributo di solidarietà raccolto: 287’319 CHF


Raccomandazione di Aguasan:

La proposta di progetto è pertinente, coerente, completa e risponde agli aspetti importanti di una misura sostenibile in modo permanente nel campo dell’acqua potabile e del risanamento. Si dovrebbe dire chiaramente che il progetto si inserisce in un programma già in corso e valutato (fornire una valutazione al donatore) e che è possibile un finanziamento parziale (2011: 130.000; 2012/13: 100.000). Il progetto può essere raccomandato per il finanziamento.


Importanti risultati finali

Con l’inizio del progetto nel luglio 2011, i lavori sono iniziati a Ma Lung. Da dicembre, la costruzione di questo primo sistema è stata completata. Il sistema a Ma Lung consiste in tre sottosistemi per tre villaggi. Ogni sistema ha una piccola diga che imprigiona l’acqua della sorgente. Questa viene raccolta in un serbatoio filtro e convogliata nei serbatoi d’acqua del villaggio di 10m3. Da lì, l’acqua può essere convogliata individualmente ai serbatoi domestici tramite tubi di plastica. Da gennaio 2012, 32 famiglie hanno ora accesso diretto all’acqua e c’è una scuola per 50 bambini. I membri dei comitati di sviluppo del villaggio sono responsabili della manutenzione del sistema idrico (comitato dell’acqua). Varie attività iniziali di sensibilizzazione all’igiene e ai servizi igienici hanno già avuto luogo durante i lavori di costruzione nei villaggi colpiti e in altre comunità.

Verso l'alto